sabato 21 ottobre 2017

Attimi magici nella villa di Mirta Rem Picci


Attimi magici nella villa di Mirta Rem Picci


Il cancello, Mirta, si apre ancora
automaticamente e attraverso
il viale, poi il giardino e alla villa
giungo per l'incontro meridiano
con te. Attimi magici: apri la
porta e mi fai entrare, tu sinuosa
e sensuale e mi metti gli occhi
negli occhi, l'anima nell'anima.
Ammiro i tuoi disegni al computer
sottesi alla tua bravura. Ti parlo
di mio figlio studente e tu sorridi
nell'enigma e balli il flamenco
fissandomi nel fondersi gli spiriti.
Poi nel giardino cogli una rosa
rara come te e me ne fai dono
graditissimo un giorno per l'erbario.
Poi pranziamo e poi di nuovo
il sonno nella camera calcinata.
E ho sognato cavalli bianchi.
Mi svegli di nuovo, Mirta con il
caffè. E' tutto come prima
anche se ti sei tolta la vita.


Raffaele Piazza

Christine Lavant


Sono i fiumi - J. L. Borges

Sono i fiumi – Jorge Louis Borges 


Siamo il tempo. Siamo la famosa
parabola di Eràclito l’Oscuro.
Siamo l’acqua, non il diamante duro,
che si perde, non quella che riposa.
Siamo il fiume e siamo anche quel greco
che si guarda nel fiume. Il suo riflesso
muta nell’acqua del cangiante specchio,
nel cristallo che muta come il fuoco.
Noi siamo il vano fiume prefissato,
dritto al suo mare. L’ombra l’ha accerchiato.
Tutto ci disse addio, tutto svanisce.
La memoria non conia più monete.
E tuttavia qualcosa c’è che resta
e tuttavia qualcosa c’è che geme.

Jorge Louis Borges

(Traduzione di Domenico Porzio e Hado Lyria)

da “I congiurati”, “Lo Specchio” Mondadori, 1986

Serrano. Giuseppe Conte L'olio della poesia Non finirò di scrivere sul mare

venerdì 20 ottobre 2017

giovedì 19 ottobre 2017

Cuore di paglia (di Felice Serino)

Cuore di paglia (di Felice Serino): è dell'umano il tempo / non certo dell'anima e ti pare / d'esser sempre giovane anche se / vicino agli ottanta il fisico non rende // se cavalchi / un'emozione ecco spunta una lacrima / e senti capriolare / questo cuore di paglia // come un imberbe a prima; poesia Creative Commons

mercoledì 18 ottobre 2017

Alessia e Mirta al mare


Alessia e Mirta al mare


Sembiante di spiaggia di Capri
al porto di pietre senza sabbia
che non si può contare per Alessia
e Mirta - anima. Entra Alessia
nelle acque e il fresco del mare
giunge fino all'anima di 18 grammi.
Guarda Mirta la scena, lei così
bruna e così donna, Alessia la
vede nel vento mentre enigmatica
sorride Mirta. E legge quel sorridere
Alessia e pensa a cose belle.
Poi s'immerge Alessia fino al
fondo e prende una conchiglia.
Risale in superficie Alessia
e una pianta di fragole le dona
Mirta.


Raffaele Piazza